e loro tornano

Posted in io on novembre 23, 2012 by Gratia

apprezzo la solitudine di questo venerdì sera, giorni inquieti quelli appena passati…nervosa…ansia…e loro tornano.

Annunci

Password…

Posted in giorno dopo giorno on novembre 23, 2012 by Gratia

…resettata.

Pensiero

Posted in amichetti, giorno dopo giorno, io, varie ed eventuali on luglio 9, 2009 by Gratia

Fastidiosa come le mosche. …e alle mosche che ci fai? le acciti (trad. ciociaro/italiano: le uccidi).perfetta

Il contadino

Posted in giorno dopo giorno, io on giugno 15, 2009 by Gratia

…ne ho abbastanza, evidentemente. Non sopporto più certe offese che liberamente e tranquillamente alcune persone mi arrecano… chiaramente sono io che glielo permetto, che l’ho permesso fino ad ora. Ho un forte desiderio di cambiare, iniziare a sbattere i piedi per terra, senza aver timore di fare rumore (tanto), mi trovo ad un punto in cui l’insofferenza verso chiò che prima sembrava normale è, ora, alta. Non ammetto più “errori accidentali”, più “scusa”, più “non pensavo che…”, non ci sto più. Tutte falsità, tutti intrighi strani, tutte scuse… Devo mettere il recinto alla mia vita, come il contadino per evitare che gli animali mangino, si cibino, depredino la sua semina. Il mondo ed il mio ambiente è pieno di questi animali. Devo, con la forza e per forza (pena il raccolto svanito) prendere reti, martello, zappa e cominciare a “difendere” la mia terra. Ed è una faticaccia perchè non sono abituata a impiantare recinti e non posso far affidamento sugli altri e poi non avrei mai pensato che i miei frutti fossero tanto buoni da dover mettere una recinzione (evidentemente fino ad ora non avevo mai fatto i conti con la mia autostima). Lo devo fare, ne vale il mio raccolto.

400px-Contadina_napoletana_dell'800

Vascata

Posted in giorno dopo giorno on maggio 8, 2009 by Gratia

…. e alla fine non si piange neanche più!

…come le mestruazioni

Posted in giorno dopo giorno, io, la poca vita notturna on aprile 29, 2009 by Gratia

un post al mese, come le mestruazioni…

mi sento rivoluzionara, combattiva e determinata, nonostante mi abbiano additato negativamente come “fragile” (la fragilità non solo fà donna e non è un aspetto negativo del carattere, dico io, dipende da come la si usa). Noto una certa difficoltà generale a parlare di sentimenti, e non parlo di quelli profondi….figuriamoci; giammai bagnarsi, strizzare, lavare, sciacquare, stringere forte i propri sentimenti come si fa con gli indumenti da lavare a mano. Il rischio è di trovarli puliti per benino…

La verità, insieme alla buona fede, garantisce di progredire a testa alta e fornisce il coraggio e la forza necessaria per farlo, nonostante tutto. Questo ho sperimentato.

“Marcare il territorio”, come fanno i cani e il genere umano maschile, può essere utile per proteggersi e proteggere la propria “vita”,  è un pò contorta ma giuro un senso ce l’ha! (qui ed ora ovviamente).

Frequentare le donne, quelle amiche però, è costruttivo, piacevole e importante,  le altre sono da evitare, soprattutto se diventano gelose.

Provo un’avversione profonda per quella categoria di uomini impegnati, o presunti tali, che così spavaldamente mi si mostrano carini e seducenti. Ma scherziamo? Grande rispetto per le donne.

Al contrario, altri uomini liberi, o presunti tali, mi si mostrano fin troppo audaci nel propormi amori eterni.

Io ed il mio attuale amore siamo distratti da mille paranoie inutili, forse per paura di affrontare la nostra bella e complicata realtà. Non mi interessa cosa e come, voglio solo la verità. Nient’altro.

L’illusorio desiderio di maternità, scatenatosi nel mese di luglio, sta pian piano scemando, con consapevolezza.

Sono andata a casa dei miei, a pranzo di domenica, perchè la fortuna di averli ancora in vita è tanta…discorso doloroso affrontato con L. al telefono.

Tutto passa, come le mestruazioni…

piuttosto che…

Posted in giorno dopo giorno on marzo 24, 2009 by Gratia

Piuttosto che ascoltare in silenzio parole inutili e rabbiose ho parlato sulle sue parole, anche io dicendo cose inutili e rabbiose.